Sei qui: HomeCosa vuoi fareSport e naturaDa vedereIl Fiume Piave
maserada-il-piave-apt-40a07
Il Fiume Piave
Le sorgenti del fiume Piave si trovano alle pendici del Monte Peralba a 2037 metri s.l.m., in provincia di Belluno; la sua lunghezza complessiva è di 220 km e arriva a lambire il territorio della marca toccando i comuni di Segusino, Valdobbiadene, Vidor, Nervesa, Mareno, Cimadolmo, Spresiano, Maserada, San Biagio di Callalta e Ponte di Piave.

Il corso d'acqua è noto in tutta la penisola come il "Fiume Sacro alla Patria" in memoria dei combattimenti di cui fu teatro durante la Prima Guerra Mondiale (la Prima battaglia del Piave, la Battaglia del Solstizio e la Battaglia di Vittorio Veneto 1917/1918)

L'idronimoattuale è al maschile; tuttavia non è sempre stato così. Il cambio di genere, da femminile a maschile, avvenne verso la fine della Grande guerra quando il poeta Gabriele D'annunzio, dopo il primo tentativo del poeta Carducci, vista la vittoria italiana sul Piave, decise che il Sacro Fiume d'Italia doveva cambiare l'articolo. D'Annunzio ebbe questa idea per celebrare la Potenza Maschia del fiume che resistette al nemico e il Piave fu elevato a Fiume Sacro Della Patria.

Le terre della valle del Piave, durante la guerra, hanno incantato anche il famoso scrittore Ernest Hemingwaye ne hanno ispirato la poetica. Scoprendo la provincia di Treviso il grande autore americano ha incontrato persone, esplorato luoghi e assaporato gusti che hanno segnato la sua vita e ispirato la sua arte letteraria. Hemingway, membro dell'esercito americano, operò nell'area del Basso Piave per alcune settimane nell'estate del 1918, trovando ispirazione, secondo gli studiosi, per il suo romanzo forse più noto, "Addio alle armi".

Il Piave oggigiorno rappresenta uno degli ecosistemi fluviali più importanti ed interessanti del territorio italiano e dell’intero continente europeo; il suo corso costituisce un patrimonio naturale e ambientale rilevantissimo, con oltre 1000 ettari di bosco, protetto, 13 corsi d’acqua vincolati, 4 Siti di Importanza Comunitaria (S.I.C.), 3 Zone di Protezione Speciale (Z.P.S.) per la salvaguardia degli uccelli, 8 biotipi, centinaia di specie floristiche e faunistiche, rare e rarissime, tra cui 18 specie di orchidee .
Questo sito utilizza cookie. Per saperne di più o per fare scelte specifiche sull'uso dei cookie clicca su "Voglio essere informato". Per esprimere il tuo consenso clicca su "Accetto". Se ignori questo banner, scorrendo la pagina o proseguendo nella navigazione, acconsentirai comunque all'uso dei cookie.