Sei qui: HomeDa scoprireAlla scoperta dei luoghiAltri gioielli della Marcada N a RPonzano Veneto
Ponzano_foto_comune_Villa_Rubbi-Serena
Ponzano Veneto
Dal 1807, il comune di Ponzano Veneto è composto dal paese stesso con le due frazioni di Paderno e Merlengo, ed è situato ad una decina di chilometri a nord di Treviso. I toponimi Pontianus e Paternus conservano i nomi di due dei primi coloni che coltivarono queste terre, mentre Merlengo ha origini germaniche, da Marling.
Esse vennero fondate lungo la strada consolare romana del II secolo a.C., meglio conosciuta come Postumia, che univa Aquileia e Concordia a Genova, attraversando il "Municipium Tarvisium".
Per quanto riguarda i luoghi di culto, vale la pena citare la Chiesa di San Bartolomeo a Merlengo, dove è contenuta la Pala di San'Osvaldo, dipinta da Giovan Domenico Tiepolo, figlio di Giovanni Battista, oltre a due teste in marmo di Gesù e Maria, attribuite a Giuseppe Bernardi detto "il Torretti", maestro di Antonio Canova.
A Ponzano Veneto ci si può avventurare lungo un itinerario che si snoda tra ville venete costruite tra il 1500 e 1700, godendo nel frattempo anche della vista di altri edifici particolarmente interessanti dal punto d vista architettonico, di cui la città è ricca. Citiamo qui almeno: Villa Cicogna, che oggi è la sede del Municipio, Villa Sorgato, Villa Van Axel, Palazzo Campbell, Villa Persico, che attualmente è un relais, Villa Corner, che conserva gli affresci del Tiepolo, e infine Villa Minelli, sede della direzione della Benetton.
La direzione dell'azienda che ha reso Treviso famosa in tutto il mondo rimane infatti tutt'ora a Ponzano Veneto, dove il mito ha avuto origine. La città ospita inoltre numerose altre aziende che operano dei settori meccanico, agroindustriale, siderurgico, dell'abbigliamento e del legno.
Foto: Comune di Ponzano Veneto

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO

Questo sito utilizza cookie. Per saperne di più o per fare scelte specifiche sull'uso dei cookie clicca su "Voglio essere informato". Per esprimere il tuo consenso clicca su "Accetto". Se ignori questo banner, scorrendo la pagina o proseguendo nella navigazione, acconsentirai comunque all'uso dei cookie.