Sei qui: HomeDa scoprireAlla scoperta dei luoghiAltri gioielli della Marcada S a ZSusegana
Susegana_comune
Susegana
Durante l'età del bronzo, nell'area di Susegana si stabilirono i primi insediamenti umani, data la posizione strategica sulla riva del fiume Piave che consentiva facili guadi. Presto la colonizzazione romana giunse in quest'area spinta dal flusso commerciale che risaliva la valle del Piave. Qui diede il nome ai due centri principali: uno fu Susegana, toponimo che sta per "terreno appartenente al signor Sosus o Sosius", probabilmente un ex soldato che decise di dedicarsi all'agricoltura; mentre l'altro centro fu chiamato Mercatelli. Quest'ultimo tracciava la "Via dei mercanti", che partiva dalla città lagunare di Altino per arrivare alla zona alpina. Sempre ai romani è attribuita la costruzione dei vari ponti, dovuta all'attraversamento dei numerosi corsi d'acqua nella zona, il più famoso dei quali è il Ponte della Priula. Originariamente in legno, questo collegamento fece da testimone alle invasioni che colpirono Susegana: dagli Unni ai Goti, dai Longobardi alle armate di Carlo V, finché venne bruciato nel 1807 dai francesi. Bisogna aspettare l'inizio del '900 per la sua ricostruzione, in pietra e cemento, opera che venne in parte distrutta durante la ritirata di Caporetto.
Due castelli si fronteggiavano a Susegana: quello di San Salvatore e quello di Collalto, oggi frazione ma un tempo capoluogo comitale dell'area compresa tra Falzè e Refrontolo, e nota per la fortificazione inespugnabile che la dominava. Entrambi i castelli però, assieme al patrimonio artistico che contenevano, furono quasi del tutto distrutti dai bombardamenti della Grande Guerra.
Bianca di Collalto è un personaggio leggendario legato a queste terre. Pare che Bianca fosse un'ancella sfortunata, la cui bellezza attirò le gelosie della padrona, che, sospettandola di avere una relazione con suo marito il Conte, la murò viva. Si narra che il fantasma di Bianca appaia ancora oggi alla famiglia Collalto per annunciare imminenti gioie o sventure.
Susegana è conosciuta per la sua produzione vinicola, promossa anche attraverso raffinate manifestazioni che richiamano gli amanti delle bollicine di tutta la provincia. Un altro prodotto della terra dà lustro invece alla frazione di Ponte della Priula: l'asparago. Infatti, la Strada dell'Asparago si snoda per circa 90 km, proprio tra Ponte della Priula e Ponte di Piave.
Foto: Comune di Susegana

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO

Questo sito utilizza cookie. Per saperne di più o per fare scelte specifiche sull'uso dei cookie clicca su "Voglio essere informato". Per esprimere il tuo consenso clicca su "Accetto". Se ignori questo banner, scorrendo la pagina o proseguendo nella navigazione, acconsentirai comunque all'uso dei cookie.