Sei qui: HomeDa scoprireAlla scoperta dei luoghiPerle d'arte Portobuffolè. Il borgo di Gaia da Camino
Portobuffol_by_comune
Portobuffolè. Il borgo di Gaia da Camino
Portobuffolè è un centro dalle dimensioni minute ma custodisce un ricchezza storica ed artistica invidiabile.

Il toponimo probabilmente deriva dal castello "Portus Buboledi" del IX secolo, che era circondato da un canale, "bova". Esistono altre opinioni sull'origine del nome: è possibile che derivi da "bufaline", che erano le barche utilizzate per il trasporto merci dal paese fino al mare.

L'importanza di Portobuffolè cresce nel periodo medioevale, soprattutto nel 1307, quando Gaia da Camino (1270-1311), figlia di Gherardo, signore di Treviso, citata nella Divina Commedia, diventò "proprietaria" del paese: fu un dono del marito Tolberto, lasciatole per testamento.

Al passaggio della Repubblica di Venezia, il paese perse via via importanza, fino al 1797, anno della caduta di Venezia, in cui passò Napoleone e successivamente sotto l'Austria, e iniziò così la sua decadenza. Nel 1815 Portobuffolè perse il titolo di città a causa della riforma amministrativa austriaca. Nei primi anni del XX secolo, il comune corse il rischio di essere soppresso e accorpato a Mansuè.

Tuttora Portobuffolè è il comune trevigiano più piccolo, sia per numero di abitanti che per estensione. Dal 2001, il centro ha acquisito la Bandiera arancione del Touring Club Italiano. Vale la pena visitare la presunta casa di Gaia da Camino, che oggi ospita il Museo del Ciclismo "Alto Livenza", la Porta Friuli e il Duomo, che un tempo era una sinagoga.

Questo piccolo gioiello ai confini con il Friuli è inoltre crocevia di itinerari, come"Scivolando sull'acqua", percorso alla scoperta del fiume Livenza, e il percorso enogastronomico Strada dei Vini del Piave. Caratteristico e molto frequentato è anche il Mercatino dell'Antiquariato e del Collezionismo.

Info: Comune di Portobuffolè 

Foto: Comune di Portobuffolé

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO

Questo sito utilizza cookie. Per saperne di più o per fare scelte specifiche sull'uso dei cookie clicca su "Voglio essere informato". Per esprimere il tuo consenso clicca su "Accetto". Se ignori questo banner, scorrendo la pagina o proseguendo nella navigazione, acconsentirai comunque all'uso dei cookie.