Sei qui: HomeDa scoprireItinerari di Marcaitinerari del gustoStrada del Radicchio Rosso di Treviso e Variegato di Castelfranco
StradaRad00A_0790_-_Radicchio_bagnato_-_Andrea_Pellizzer
Strada del Radicchio Rosso di Treviso e Variegato di Castelfranco
Il territorio interessato alla coltivazione del Radicchio Rosso di Treviso é molto esteso, sono state perciò individuati tre percorsi.
 Il primo segue idealmente il tracciato del Sile per arrivare fino a Castelfranco, ed é definito: “La civiltà dell'acqua da Treviso a Castelfranco Veneto”.
Il secondo percorso interessa i comuni di Preganziol, Casier, Zero Branco per arrivare a Scorzé, zone dove si é sviluppata la coltivazione del radicchio, per questo intitolato:”Le terre del Radicchio”.
Il terzo percorso chiamato: “La campagna veneta dall'epoca romana alla Serenissima” comprende la zona più meridionale del territorio, ad ovest l'antica via Aurelia e ad est un tratto del Terraglio.
La presenza di centri urbani di notevole importanza storico culturale, le ville e l'oasi naturalistica garantiscono inoltre al visitatore la valenza turistica di questo itinerario.
Ville venete, oasi naturalistiche, castelli e mulini, città d'arte; questo sono le gemme che impreziosiscono l'area di produzione della Strada del Radicchio Rosso di Treviso e Variegato di Castelfranco. Tre sono i percorsi di visita alla scoperta dei due radicchi che coloramo le tavole dei trevigiani e le numerose mostre della rassegna "Fiori d'Inverno".
"La civiltà dell'acqua da Treviso a Castelfranco Veneto"
Questo primo itinerario collega Treviso a Castelfranco Veneto seguendo idealmente il tracciato del Sile, le cui acque di risorgiva sono impiegate per l'imbianchimento del radicchio. Lasciato il capoluogo della Marca Trevigiana si incontra nel comune di Quinto di Treviso, a S. Cristina, l' Oasi naturalistica del Mulino di Cervara, già funzionante nel 1325. Superate Morgano e Badoere si raggiunge Levada, frazione di Piombino Dese, e successivamente Casacorba. Da qui l'itinerario riprende nuovamente verso Nord e dopo Fanzolo di Vedelago, attraversa Riese Pio X e Castello di Godego in un'area di notevole interesse paesaggistico e ambientale. L'itinerario si conlcude a Castelfranco nella cornice di mura merlate.
"Le terre del Radicchio di Treviso"
Il secondo itinerario inizia da Castelfranco Veneto per concludersi a Treviso, dopo aver attraversato le più significative aree produttive del radicchio, lungo quello che può essere definito l'asse centrale della strada del radicchio rosso di Treviso. Il percorso interessa la campagna dei comuni di Preganziol, Casier, Zero Branco e Scorzé, in una distesa di appezzamenti caratterizzati dal colore rosso-brunato dei cespi e impreziositi dalla presenza di numerose ville venete.
"La campagna veneta dall'epoca romana alla Serenissima"
Il terzo itinerario si snoda nella zona più meridionale dell'area di produzione, fra l'antica via Aurelia e il Terraglio, in un'area di notevole importanza storico culturale. Numerose le ville venete che testimoniano la connessione tra questa parte della Marca Trevigiana e la laguna veneziana, soprattutto nei comuni di Preganziol e Mogliano Veneto. Da qui il percorso prosegue verso Ovest in una strada immersa nella campagna e scarsamente urbanizzata che corre nella province veneziana e padovana fino a ricongiungersi al secondo itinerario nei pressi di Piombino Dese.
Maggiori informazioni su www.stradadelradicchio.it
Foto: Andrea Pellizzer

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO

Questo sito utilizza cookie. Per saperne di più o per fare scelte specifiche sull'uso dei cookie clicca su "Voglio essere informato". Per esprimere il tuo consenso clicca su "Accetto". Se ignori questo banner, scorrendo la pagina o proseguendo nella navigazione, acconsentirai comunque all'uso dei cookie.